Locali

  Acliterra Provinciale di Latina plaude con entusiasmo al possibile accordo tra L’agenzia del demanio e l’Università Agraria della Tuscia per destinare il complesso di Villa Fogliano , attualmente in totale degrado, ad un laboratorio di studi sullo svilppo e la conservazione delle specie ittiche e della biologia lagunare.
E’ una specie di ritorno al futuro, dichiara il presidente provinciale Agostino Mastrogiacomo, che non può che farci felici.
Il lago di Fogliano ha avuto sempre una vocazione ad essere un laboratorio di studi e non una semplice azienda di pesca valliva.
Ci auspicavamo una scelta in questa direzione, abbiamo più volte indicato che quel nostro magnifico sito non poteva essere abbandonato, che non era questo il suo destino.
Ogni visione minimalista non è opportuna per questa nostra provincia, già isolata di suo ed in cerca di opportunità all’altezza delle sue giuste ambizioni.
Il recupero del complesso di Villa Fogliano con questa speciale destinazione offre la possibilità di elevare ad un livello superiore tutto il territorio, con ricadute che non possono essere altro che positive per ogni comparto legato...
  POLITICA: In data odierna il Dirigente dell'ASL di Latina, Dott. Romolo Del Balzo ha inviato una nota inerente la discarica rinvenuta in loc. Calabretto. A seguito del sopralluogo del Dirigente, acquisiti gli elementi e come ribadito nella conferenza dei capigruppo, non vi sono i presupposti giuridici per un'ordinanza di sgombero in quanto L'ARPA Lazio, attivata dal Comune, non ha ancora comunicato i dati sul monitoraggio dell'aria. Nella nota, ribadisce il dirigente, vanno smentite voci infondate e non corrispondenti alla situazione reale. L'ASL infine, invita l'Amministrazione alla bonifica ed al ripristino dello stato dei luoghi. "Il Comune - spiegano da piazza Umberto I - si è avviato da subito alla immediata bonifica ed al ripristino dello stato dei luoghi ed è per questo che, oltre all'Arpa, ha dato incarico ad una società che ha effettuato un carotaggio ai fini della caratterizzazione dei rifiuti e del successivo piano di bonifica. La salute pubblica - continuano dall'Ente Pubblico - è per noi la regola non l'eccezione, la priorità rispetto a tutte le iniziative. Siamo con...
Pubblichiamo la nota stampa della Asl di Latina “La nota della Asl di Latina lascia pochi dubbi rispetto a quanto sta accadendo a Calabretto. I responsabili affermano che sull’area è presente amianto, che è stato gettato del terreno che copre una parte della discarica, che fuoriesce un odore nauseabondo. Ovviamente la Asl non ha competenze per emettere una ordinanza di sgombero, anche in virtù del fatto che si attendono i risultati degli esami effettuati dall’Arpa -  ma non ha mai detto che non è necessario sgomberare, anzi ha imposto al Comune di Itri l’immediata bonifica e il ripristino dello stato dei luoghi. Questa è la lettura corretta che va data alla nota. Invitiamo a non deviare l’opinione pubblica con interpretazioni fuorvianti a discapito dei cittadini che continuano, ancora oggi, 19 agosto a convivere con fumarole presumibilmente tossiche, senza che alcun provvedimento sia stato messo in atto a tutela delle numerose famiglie con bambini piccoli che stanno vivendo la peggiore estate della loro vita”....
L’Associazione Ambiente Natura e Vita di Minturno interviene sulla vicenda della discarica abusiva di Calabretto ad Itri. “Le immagini che vediamo sui social e sulle testate giornalistiche sono davvero allarmanti. Siamo dalla parte dei cittadini residenti che continuano ad essere intossicati dalle fumarole e dagli odori nauseabondi. Ci chiediamo perché l’area non sia stata messa sotto sequestro o quanto meno in sicurezza. Questa situazione è la conseguenza di un comportamento grave, irrispettoso dell’ambiente. L’abbandono di rifiuti è un reato. Possibile che gli sversamenti siano avvenuti senza che nessuno se ne accorgesse? Le fumarole sono la chiara testimonianza che lì sotto giacciono rifiuti tossici, testimoniano un processo chimico ormai inarrestabile. Preoccupanti le conseguenze per i residenti, che lamentano malesseri vari, ma anche per l’ambiente, che è stato aggredito. I fumi si stanno depositando sulle colture e sulla vegetazione, per non parlare del pericolo che venga inquinato anche il Torrente Pontone e il rischio di metalli pesanti all’interno delle acque di falda. Le vie di esposizione delle sostanze tossiche riconosciute sono quella inal...

PROGRAMMI

  • Quelli della Musica Felice
  • Radio Days
  • Spazio Blu Graffiti
  • Pink Magazine
  • Net Magazine
  • Rumors
  • L'ora dello Sprits
  • Tutti a Scuola
  • Blu Top Hits
Centralino:
+39 0771 46 00 13
Radio Spazio Blu:
Via Indipendenza, 117
04024 Gaeta LT
Fax: +39 0771 46 28 02
SMS: +39 333 21 82 300
E-mail: diretta@spazioblu.com